14th

Tu, come azienda, cosa stai facendo per il tuo territorio?

2

Bellissimo servizio, segnalato da Fabrizio Capobianco su Facebook, quindi rubato.
;-)

Il video racconta la storia di Bardi, un paese sugli appennini, e del suo modello di sviluppo del territorio.
Le parole dell’Ing. Pontremoli della Dallara sono macigni.

Raramente ho guardato un video che, ad ogni secondo, rafforzasse in me le mie idee come è riuscito a fare questo.
Mi ha dato tanti di quegli spunti che devo assolutamente condividere.
Ma prima guardate il servizio realizzato da La7.

Ecco cosa mi sono segnato io, e come ciò si applica alla nostra esperienza aziendale e privata:

– “Tu, come azienda, cosa stai facendo per il tuo territorio?” (noi siamo tornati nella nostra città perché vogliamo spenderci per il nostro territorio e creare lavoro qualificato qui nella nostra città)
– “La banda larga come la principale, essenziale, necessaria, fondamentale infrastruttura da realizzare” (il governo DEVE sbloccare i famosi 800 milioni di euro SUBITO)
– “Uffici e connettività quasi gratuita” (Prossima Isola, nella prossima sede, aderirà al COWO e professionisti e piccole aziende potranno avere un ufficio e della connettività a prezzi contenuti)
– “Alta qualità della vita” (E se in Sardegna ci sono così tanti centenari un motivo ci sarà)
– “Scuola del sapere” FONDAMENTALEEEEEEEE. Viva il Master & Back, il Sardinia Speak English, i soldi per le scuole dell’ordine, il merito nelle Università. La prossima Sardegna sarà il frutto di questi investimenti.
– “Nella globalizzazione ciò che vince è l’unicità” BIBBIA. In Sardegna c’è un’azienda che si chiama La Genuina, che produce insaccati di pecora e li spedisce nel mondo arabo. Questa è l’unicità che vince sulla globalizzazione, anzi ne approfitta.
– “Internet come unico mezzo di promozione” Non servono capitali giganti per farsi conoscere. Servono idee, voglia, saperi e capacità di comunicare. E tutto questo si può fare anche in un paesello dell’appennino.

Qui a Sassari siamo in piena campagna elettorale per le elezioni comunali, e alle prese con la più grande crisi economica che questa terra ricordi.
Crisi innescata dalla miopia di non capire che un determinato modello economico qui non può funzionare.
La chimica e l’estrazione in Sardegna non possono competere in un mercato globalizzato. Credo lo possa capire chiunque che, in assenza di unicità, le aziende vanno a produrre dove la manodopera costa meno.

E allora che fare? Illuderci ancora una volta? Illudere queste famiglie? Rimandare i problemi alla prossima crisi?

La chimica ha dato tanto a questo territorio perché i figli di quegli operai oggi sono avvocati, medici, ingegneri, manager. La maggior parte, e forse i migliori di loro, sono fuori dalla nostra isola.
Loro possono essere il nostro ponte per aziende presenti qui.
Oppure, investendo i pochi soldi disponibili sulle persone, si può provare a riportarli qui.

“Perché posti unici come la Sardegna al mondo ce ne sono davvero pochi” ( chi ha visto il video fino in fondo capirà questa frase).

Share and Enjoy: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Digg
  • del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Facebook
  • LinkedIn
  • TwitThis
  • Google Bookmarks
  • MySpace
  • YahooMyWeb
Tags: , , , , , ,

Post correlati

mag 14th by marcelloorizi

2 commenti

  1. Complimenti per le vostre idee ed i vostri ideali.
    Sono fiero di avere dei concittadini come voi e, nel mio piccolo, mi rendo disponibile nell’aiutarvi, ove possibile, nella realizzazione di vostri progetti.
    Ancora complimenti.

    Alessandro


    Alessandro Zara



  2. [...] innovazione, imprenditorialità, cultura dell’esempio e… territorio. (vedi ad esempio questo articolo che abbiamo pubblicato un po’ di tempo [...]


    Sardegna 2.0



Leave a Reply