22nd

#S2dot0 Mi sa che è accaduto davvero!!!

3

OK, mi sa che l’abbiamo combinata grossa ;-)

Quella che era un’idea molto semplice si è trasmessa come meglio non avrebbe potuto nell’arco del primo evento di Sardegna 2.0 (www.sardegna20.com).
A Tramatza, nel centro dell’isola, ci siamo incontrati in un Mercoledì lavorativo, in 70 fra imprenditori, professionisti, ricercatori e manager di importanti istituzioni (i centri di ricerca di Porto Conte Ricerche, CRS4 e Sardegna Ricerche, il Banco di Sardegna).
Persone portatrici di differenti competenze ed esperienze, chi nel settore IT, chi nell’agroalimentare, chi nel turismo, arte, consulenze legali. Tutti, nessuno escluso, ci siamo impegnati in una gara di innovazione che ha premiato tutti e permesso di farne emergere le capacità.

Molti dicono che noi sardi siamo chiusi, spesso invidiosi fra di noi. Ebbene, a Tramatza, abbiamo dato un duro colpo a chi continua a pensare per preconcetti, a chi guarda al passato. A chi vive una vita nel pessimismo totale, a chi si aspetta che la soluzione arrivi fuori da lei/lui.
A Tramatza c’erano persone che hanno deciso di non stare ad aspettare le istituzioni o grandi imprese da fuori, no, c’erano persone che con il loro duro lavoro quotidiano vogliono prendersi il loro spazio e, per quanto possibile, disegnare il loro futuro.

Grazie a coloro che ci hanno creduto.

P.S.:
Di seguito la mia breve introduzione alla giornata:

P.P.S.:
Guardate le foto della splendida giornata sulla fanpage di Sardegna20, lì troverete anche tutti i servizi televisivi (Videolina, Rai3 e NovaTV), radiofonici (Radiolina, RadioX) e giornalistici (Nuova Sardegna e Unione Sarda) e moltissimi dei partecipanti all’evento.

P.P.P.S.:
Per partecipare in modo attivo, vi raccomando di entrare a far parte del nostro gruppo Linkedin, da dove tutto è partito.

Tags: , , , ,

Post correlati

apr 22nd by marcelloorizi Continue Reading
15th

Primi Risultati Sardegna 2.0 – #S2dot0

0

Tutti voi sarete a conoscenza dei fatti di cronaca recentemente accaduti o che stanno accadendo in Tunisia, Bahrein, Egitto, Libia solo per citarne alcuni.
Oppressione, mancanza di possibilità di espressione e voglia di libertà hanno portato alla rivoluzione.
La rapidità con la quale sono nate queste rivoluzioni è attribuibile ad un solo strumento…INTERNET.
In particolare facebook, twitter, blog vari sono stati gli strumenti attraverso i quali le persone si scambiavano, immagini, video, informazioni. Sono stati gli strumenti che hanno permesso di organizzare in brevissimo tempo tutte le manifestazioni che hanno avuto come epilogo il cambiamento epocale di intere popolazioni.

Perché faccio questa premessa?
Leggi tutto

Tags: , , , ,

Post correlati

apr 15th by danieleidini Continue Reading