28th

Sardegna 2.0

2

In questo blog parliamo spesso di innovazione, imprenditorialità, cultura dell’esempio e… territorio.
(vedi ad esempio questo articolo che abbiamo pubblicato un po’ di tempo fa)

Ecco, per quel che riguarda il territorio, io e Daniele avevamo in testa la seguente idea: mettere in collegamento online e offline le persone che hanno a cuore la Sardegna in modo da creare degli ipotetici ponti commerciali.
Ne abbiamo parlato con altre persone e, fra queste, Francesco Pintus e Antonio Puggioni hanno dato la piena adesione al progetto.

Abbiamo così creato la settimana scorsa il gruppo Sardegna2.0 su LinkedIn e dopo la prima settimana siamo già 116 persone.
Io, Daniele, Francesco e Antonio siamo i gestori del gruppo ma l’idea è di consegnare la gestione alle persone facenti parte del gruppo stesso.

Alcune delle persone che si sono iscritte hanno già chiesto di allargare lo spettro di possibili canali di comunicazione con un sito che rappresenti il gruppo. Cosa che molto probabilmente faremo presto.

Qui di seguito il testo dell’email che abbiamo inviato ai nostri contatti per invitarli a prendere parte a questa iniziativa.

L’idea è un po’ malsana ed è nata mentre assistevamo ad un workshop tenutosi alla Stanford University e che aveva come oggetto “il modello israeliano” e l’importanza delle relazioni fra israeliani presenti in Silicon Valley e quelli rimasti in medio oriente.
Due + due… quanti sardi ci sono nel mondo e quanti possono fare da sponda per aziende sarde che hanno prodotti/servizi validi da proporre?
Da qui l’idea di creare un gruppo che cerchi di mettere in contatto queste persone, di farle semplicemente incontrare online e una/due volte l’anno offline.
Questa che segue è la descrizione degli intenti del gruppo:
—–
Cambieremo la Sardegna e lo faremo attraverso una rete di persone.
Costruiremo un ponte fra chi vive in Sardegna e chi vive fuori, con l’intento di creare occasioni di crescita economica delle singole aziende e professionisti che vorranno entrare a fare parte di questa rete.
Il gruppo vuole facilitare l’incontro anche offline con la creazione di eventi nei quali vedersi in faccia, poter valutare l’affidabilità delle persone, e godere insieme di serate serene e culturali.
Avete un’idea imprenditoriale, un business avviato, cercate un partner commerciale? Entrate a far parte del nostro gruppo.
—–

Vi invito a segnalare questo gruppo a tutte le persone che ritenete possano essere interessate.
E, come sempre, i suggerimenti non sono benvenuti, sono indispensabili.

Tags: , , , , , , , ,

Post correlati

nov 28th by marcelloorizi Continue Reading
01st

Come è dura e bella

2

Ciao ragazzi,
scusate se non abbiamo aggiornato il blog in questi due giorni, ma abbiamo fatto davvero mille e mille cose.

Provo a riassumerle in ordine.
Venerdì mattina abbiamo fatto la prima presentazione di WhereIsNow qui in Silicon Valley. L’abbiamo tenuta all’interno del PnP agli executives in residence.
Incontro informale, possibilità di parlare apertamente.
Come è andata? beh, diciamo che sarebbe potuta andare meglio, dato che non sono riuscito a fare vedere i video sul proiettore nella corretta risoluzione. Comunque l’idea di base è passata, così come anche le nostre richieste.
Non molte domande, ma durante il lunch abbiamo comunque potuto approfondire un po’ meglio gli argomenti con alcune persone.

La cosa importante è che abbiamo potuto rompere il ghiaccio.

Il brand

Il brand

Continua a leggere

Tags: , , , , , , , , , ,

Post correlati

mar 01st by marcelloorizi Continue Reading
25th

La giornata di domani

5

Ciao Ragazzi,
un post in anticipo, una volta tanto invece di dirvi cosa abbiamo fatto, vi anticipiamo cosa faremo.

Domani giornata, come al solito, molto densa di appuntamenti.
Al mattino (7) come sempre ci sveglieremo, apriremo il portatile, e inizieremo a rispondere a tutte le email che nella nostra notte, sono state spedite dall’Italia, dai ragazzi che lavorano con noi o dai nostri clienti.
Probabile qualche conference su Skype, come ogni giorno
;-)

Poi via di corsa al PnP, dove domani terremo il nostro primo pitch verso delle persone non italiane.
Fino ad oggi, infatti, abbiamo fatto diversi pitch con le persone che ruotano intorno all’organizzazione di MindTheBridge. domani invece presenteremo WhereIsNow agli Executive in Residence, personaggi che hanno alle spalle una bella esperienza in piccole e grandi aziende, alcuni professionisti, e persone che in genere svolgono il ruolo di business development.
La presentazione che faremo domani sarà diversa da quelle che abbiamo fatto fino ad oggi anche in italia, perché essenzialmente non ha come obiettivo quello di convincere un investitore ad entrare a far parte della nostra azienda ma, anzi, di vedere come queste persone possano eventualmente aiutarci a creare il nostro business.

Successivamente andremo, insieme ai ragazzi del Fullbright BEST, a visitare gli uffici di LinkedIn. LinkedIn, un’azienda che secondo me deve essere presa davvero come esempio.
Loro hanno un servizio business che conoscete tutti, sono stati in grado di recuperare finanziamenti (e che finanziamenti) dopo pochissimi mesi di vita, sono cresciuti in maniera esponenziale e sono subito riusciti a monetizzare la crescita. In sostanza un ESEMPIO di come si fa una startUp di successo. Qui trovate un po’ il racconto della loro storia.
Chissà come sarà vederla dal di dentro. Mi aspetto un ambiente più formale, tipo quello visto in VmWare, molto differente da quelli visti in Google o Facebook.
E cercheremo anche in questo breve incontro di percepire la mentalità di questa azienda e, possibilmente, di farla nostra.
Se solo potessimo raccontare loro il nostro sogno.
:-)

Finita la visita voleremo a San Francisco dove abbiamo una nuova lezione nella nostra palestra del Mind The Bridge.
Contiamo con l’allenamento di fare sempre meglio e di essere in grado di sollevare sempre “pesi più grandi”.
;-)

Dopo una giornata così estenuante (bellissima), ci aspetta una birretta nel locale sotto la sede di Google di San Francisco e una visita che mi sta particolarmente a cuore… ma questa è un’altra storia.

Ad ogni modo speriamo di poter raccontare tutto questo perché abbiamo comprato una piastra elettrica per farci il caffè e stiamo avendo qualche problemino, del tipo che ora sto scrivendo questo post nella nebbia causata dalla moquette dell’ufficio bruciata da Daniele con la piastra… cough… coughhhh …. … . .. ..non riesco a scrivere il finale cough… cughhhhhh….co..c…

Tags: , , , , , , ,

Post correlati

feb 25th by marcelloorizi Continue Reading