24th

“Giocare con queste cose di internet e dei cellulari”

0

Qualche giorno fa ho postato su facebook un link ad un articolo di Massimo Cioiciola, che parlava di un’eventualità: un ministro di Internet.
Occupandomi tutti i giorni di servizi basati su Internet penso che sia un’ottima idea, il rilancio del nostro Bel Paese potrebbe transitare soprattutto attraverso Internet.
Il mio commento al post è stato:

bel sogno ma forse la politica italiana non è ancora pronta….gli italiani si!
Chi dice poi al ministro delle infrastrutture che gli hanno tolto i soldi per l’alta velocità e li hanno dati a degli startupper di 20anni per “giocare con queste cose di internet e dei cellulari”????

(Continue Reading)

Tags: , , , , , , ,

Post correlati

nov 24th by danieleidini Continue Reading
22nd

#S2dot0 Mi sa che è accaduto davvero!!!

3

OK, mi sa che l’abbiamo combinata grossa ;-)

Quella che era un’idea molto semplice si è trasmessa come meglio non avrebbe potuto nell’arco del primo evento di Sardegna 2.0 (www.sardegna20.com).
A Tramatza, nel centro dell’isola, ci siamo incontrati in un Mercoledì lavorativo, in 70 fra imprenditori, professionisti, ricercatori e manager di importanti istituzioni (i centri di ricerca di Porto Conte Ricerche, CRS4 e Sardegna Ricerche, il Banco di Sardegna).
Persone portatrici di differenti competenze ed esperienze, chi nel settore IT, chi nell’agroalimentare, chi nel turismo, arte, consulenze legali. Tutti, nessuno escluso, ci siamo impegnati in una gara di innovazione che ha premiato tutti e permesso di farne emergere le capacità.

Molti dicono che noi sardi siamo chiusi, spesso invidiosi fra di noi. Ebbene, a Tramatza, abbiamo dato un duro colpo a chi continua a pensare per preconcetti, a chi guarda al passato. A chi vive una vita nel pessimismo totale, a chi si aspetta che la soluzione arrivi fuori da lei/lui.
A Tramatza c’erano persone che hanno deciso di non stare ad aspettare le istituzioni o grandi imprese da fuori, no, c’erano persone che con il loro duro lavoro quotidiano vogliono prendersi il loro spazio e, per quanto possibile, disegnare il loro futuro.

Grazie a coloro che ci hanno creduto.

P.S.:
Di seguito la mia breve introduzione alla giornata:

P.P.S.:
Guardate le foto della splendida giornata sulla fanpage di Sardegna20, lì troverete anche tutti i servizi televisivi (Videolina, Rai3 e NovaTV), radiofonici (Radiolina, RadioX) e giornalistici (Nuova Sardegna e Unione Sarda) e moltissimi dei partecipanti all’evento.

P.P.P.S.:
Per partecipare in modo attivo, vi raccomando di entrare a far parte del nostro gruppo Linkedin, da dove tutto è partito.

Tags: , , , ,

Post correlati

apr 22nd by marcelloorizi Continue Reading
15th

Primi Risultati Sardegna 2.0 – #S2dot0

0

Tutti voi sarete a conoscenza dei fatti di cronaca recentemente accaduti o che stanno accadendo in Tunisia, Bahrein, Egitto, Libia solo per citarne alcuni.
Oppressione, mancanza di possibilità di espressione e voglia di libertà hanno portato alla rivoluzione.
La rapidità con la quale sono nate queste rivoluzioni è attribuibile ad un solo strumento…INTERNET.
In particolare facebook, twitter, blog vari sono stati gli strumenti attraverso i quali le persone si scambiavano, immagini, video, informazioni. Sono stati gli strumenti che hanno permesso di organizzare in brevissimo tempo tutte le manifestazioni che hanno avuto come epilogo il cambiamento epocale di intere popolazioni.

Perché faccio questa premessa?
Leggi tutto

Tags: , , , ,

Post correlati

apr 15th by danieleidini Continue Reading
11th

#S2dot0 perchè accada davvero!

7

Io e Daniele siamo imprenditori nel campo informatico, non organizziamo solitamente eventi.
Ma ci piace buttarci nelle cose che a pelle sentiamo importanti e belle.

Così, mesi fa, sospinti dal ricordo del workshop sul modello israeliano al quale abbiamo assistito a Stanford durante le finali del Mind The Bridge, e dalle chiacchierate fatte in merito con Antonio Puggioni e Francesco Pintus, abbiamo deciso di dare vita ad un gruppo di imprenditori/professionisti/innovatori che rappresentasse ciò che la nostra regione è in grado di fornire in termini di possibilità di cambiarla in meglio.

Cambiarla attraverso la creazione di connessioni nate intorno ad una comunità virtuale (il nostro gruppo Sardegna2.0 su LinkedIN, la nostra fanpage, il nostro canale twitter e il nostro sito web www.sardegna20.com), che però avesse modo di trovarsi anche nella vita reale, in un ambiente sereno e carico di energia.
Connessioni che siano potenzialmente in grado di creare business, conseguenti posti di lavoro, relazioni valide a distanza anche di tempo.

Israele ha un avamposto significativo in Silicon Valley, ed in tutta l’America in genere, che le permette di fare gli interessi delle aziende che sviluppano i prodotti in medio oriente. La Sardegna vede tanti dei suoi cervelli migliori in giro per il mondo che potrebbero essere il nostro avamposto. Forse non saremo Israele, ma perché non provarci?

Quali alternative esistono? La chimica? La cementificazione delle coste? un popolo di camerieri e muratori (con tutto il rispetto, mi riferisco a scelte strategiche non ai singoli lavori che sono tutti importanti)?

L’alternativa, per le persone che hanno da subito sposato questo gruppo, sta nelle singole persone, nella loro formazione, nella capacità di innovare, di migliorare anche in settori tradizionali come il turismo o l’agroalimentare. La capacità di mettere a frutto esperienze importanti che in Sardegna ad esempio sono avvenute nel campo dell’IT (VideoOnLine, Tiscali, il CRS4 con il primo sito web italiano), farle nostre, esserne consapevoli per guardare al futuro non per rimpiangere treni persi.

E poi c’è Internet. Io (classe 1975) sono di quelli nati quando non c’era. Mio figlio no.
Mio figlio e le sue generazioni potranno giocarsela alla pari (o quasi) da subito con i loro coetani del resto del mondo. Diamo loro i mezzi per farlo: ottimismo e formazione prima di tutto.

Su Internet, sebbene fossimo quasi tutti in Sardegna, abbiamo creato questo evento (il team di Sardinian Innovation, Alessandra Polo, Alessandra Loi, Davide Orro, Serena Orizi, Mario Gastaldi).

Tramite Internet stiamo raccogliendo le adesioni e gli sponsor per il primo evento che si terrà Mercoledì 20 Aprile (appositamente la settimana di Pasqua per permettere ai nostri expat di essere presenti) a Tramatza.

Vogliamo averti con noi. Porta le tue competenze, i tuoi prodotti e/o servizi, le tue idee, ed un sano entusiasmo.
Partecipa subito e permettici di raggiungere il prima possibile la quota di 100 partecipanti per dare inizio a questo processo di cambiamento!.

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Post correlati

apr 11th by marcelloorizi Continue Reading
28th

Sardegna 2.0

2

In questo blog parliamo spesso di innovazione, imprenditorialità, cultura dell’esempio e… territorio.
(vedi ad esempio questo articolo che abbiamo pubblicato un po’ di tempo fa)

Ecco, per quel che riguarda il territorio, io e Daniele avevamo in testa la seguente idea: mettere in collegamento online e offline le persone che hanno a cuore la Sardegna in modo da creare degli ipotetici ponti commerciali.
Ne abbiamo parlato con altre persone e, fra queste, Francesco Pintus e Antonio Puggioni hanno dato la piena adesione al progetto.

Abbiamo così creato la settimana scorsa il gruppo Sardegna2.0 su LinkedIn e dopo la prima settimana siamo già 116 persone.
Io, Daniele, Francesco e Antonio siamo i gestori del gruppo ma l’idea è di consegnare la gestione alle persone facenti parte del gruppo stesso.

Alcune delle persone che si sono iscritte hanno già chiesto di allargare lo spettro di possibili canali di comunicazione con un sito che rappresenti il gruppo. Cosa che molto probabilmente faremo presto.

Qui di seguito il testo dell’email che abbiamo inviato ai nostri contatti per invitarli a prendere parte a questa iniziativa.

L’idea è un po’ malsana ed è nata mentre assistevamo ad un workshop tenutosi alla Stanford University e che aveva come oggetto “il modello israeliano” e l’importanza delle relazioni fra israeliani presenti in Silicon Valley e quelli rimasti in medio oriente.
Due + due… quanti sardi ci sono nel mondo e quanti possono fare da sponda per aziende sarde che hanno prodotti/servizi validi da proporre?
Da qui l’idea di creare un gruppo che cerchi di mettere in contatto queste persone, di farle semplicemente incontrare online e una/due volte l’anno offline.
Questa che segue è la descrizione degli intenti del gruppo:
—–
Cambieremo la Sardegna e lo faremo attraverso una rete di persone.
Costruiremo un ponte fra chi vive in Sardegna e chi vive fuori, con l’intento di creare occasioni di crescita economica delle singole aziende e professionisti che vorranno entrare a fare parte di questa rete.
Il gruppo vuole facilitare l’incontro anche offline con la creazione di eventi nei quali vedersi in faccia, poter valutare l’affidabilità delle persone, e godere insieme di serate serene e culturali.
Avete un’idea imprenditoriale, un business avviato, cercate un partner commerciale? Entrate a far parte del nostro gruppo.
—–

Vi invito a segnalare questo gruppo a tutte le persone che ritenete possano essere interessate.
E, come sempre, i suggerimenti non sono benvenuti, sono indispensabili.

Tags: , , , , , , , ,

Post correlati

nov 28th by marcelloorizi Continue Reading
19th

GEW – Marcello e Daniele su America.gov

2

Cosa ci fanno Marcello e Daniele su America.gov ?
Raccontiamo la nostra esperienza imprenditoriale, perché possa essere da stimolo per molti altri, secondo la filosofia della Global Entrepreneurship Week.

Per noi è una elettrizzante sorpresa aver potuto raccontare su America.gov i nostri quasi tre anni di attività, e cosa vorremmo davvero creare qui intorno a noi in Sardegna, Italia.
Non sto qui a riassumervi cosa abbiamo raccontato, se interessati, potete andare a leggere direttamente l’articolo qui.

Riporto, invece, la descrizione degli obbiettivi di America.gov, il portale del dipartimento di stato degli stati uniti:
State Department’s Bureau of International Information Programs (IIP) engages international audiences on issues of foreign policy, society and values to help create an environment receptive to U.S. national interests.
IIP communicates with foreign opinion makers and other publics through a wide range of print and electronic outreach materials published in English, Arabic, Chinese, French, Persian, Russian, and Spanish. IIP also provides information outreach support to U.S. embassies and consulates in more than 140 countries worldwide.

E la Global Entrepreneurship Week? per chi non lo sapesse, è una settimana dell’anno, solitamente di Novembre, dedicata alla promozione dell’imprenditorialità nei 6 continenti. Promossa dalla Kauffman foundation, ha l’intento di stimolare milioni di giovani imprenditori o potenziali tali, nel generare nuove idee, pensare in grande e realizzarle con l’auspicio e la convinzione che tutto ciò possa poi portare una crescita economica e sociale dei territori dove meglio questi fenomeni imprenditoriali si sono verificati. (Qui trovate il video e una descrizione più precisa di cosa effettivamente sia la GEW)

Una marea di eventi i giro per il mondo, e tantissimi anche in Italia (la proclamazione dei finalisti dell’edizione di Mind The Bridge di quest’anno è avvenuta proprio in una di queste occasioni, così come l’anno scorso).

Mancano pochi giorni alla chiusura di questa edizione della GEW, verificate se potete partecipare ad uno dei prossimi appuntamenti italiani.

Tags: , , , ,

Post correlati

nov 19th by marcelloorizi Continue Reading
27th

Nuovo esempio dell’utilità di WhereIsNow

0

Ciao a tutti,
Abbiamo cambiato ufficio, che bello, che bello… e i biglietti da visita? Devono essere aggiornati?

Non c’è bisogno perché tutti quelli a cui abbiamo dato i nostri biglietti da visita WhereIsNow, avranno a disposizione il nostro nuovo indirizzo automaticamente, scattando una foto al QRCode o inserendo su WhereIsNow le corrette chiavi di ricerca per Marcello e per Daniele.

Eccoli qui di seguito:

E, a proposito dei nostri biglietti da visita mi è tornato in mente questo ricordo della nostra esperienza in Silicon Valley.

Tags: , , , ,

Post correlati

set 27th by marcelloorizi Continue Reading
21st

Coworking: Co…ntacts & Co

2

Bel titolo, non sono proprio in forma
:-(

Ma mi serve per comunicare che Prossima Isola ha aderito alla rete Cowo.
Cosa significa tutto ciò? E perché lo abbiamo fatto?

Breve riassunto.
In questi mesi estivi non abbiamo alimentato il blog non solo perché ci siamo goduti le meritate vacanze (2 settimane), ma anche e soprattutto perché abbiamo portato a compimento la ristrutturazione del nuovo ufficio di Prossima Isola e il successivo recentissimo trasloco.
Daniele ha girato come una trottola fra elettricisti, idraulici, architetto, banca, parenti, amici e chi più ne ha più ne metta, ed alla fine è riuscito a fare terminare i lavori con un ritardo “accettabile”.
Il nuovo ufficio infatti è di sua proprietà o, come preferisce sottolineare lui, della banca per i prossimi 25 anni. E lo ha reso disponibile per Prossima Isola.

Ha fatto un grandissimo lavoro. L’ufficio è molto bello (nei prossimi giorni pubblicheremo delle foto) e soprattutto spazioso.
Appunto… spazioso. Che farcene di tutto lo spazio che abbiamo a disposizione? E qui viene fuori l’idea del coworking.

Coworking.
L’anno scorso, infatti, avevamo conosciuto Massimo Carraro, il responsabile del network Cowo, al Venture Camp di Mind The Bridge. In quella occasione, Massimo ci aveva parlato di questo progetto e noi lo abbiamo trovato veramente interessante.
Mai avremmo però pensato che un anno dopo avremmo aderito come ente ospitante di uno dei punti cowo italiani.
Di seguito una frase presa dal sito del Cowo, che spiega i vantaggi di diventare un ente ospitante coworking:
“Hai un ufficio? Hai qualche scrivania libera? Allora perché non provi a guadagnare qualche euro con il Coworking? E’ anche un modo per avere contatti professionali nuovi e stimolanti”

Il nostro Cowo.
Dal mese di Ottobre sarà possibile affittare una postazione tutta per se, dotata di ogni confort e senza le noie derivanti dal dover gestire le diverse utenze (pulizie, energia elettrica, ADSL, ADSL di backup, acqua, riscaldamento, condizionamento ).
Il tutto, soprattutto, in un ambiente dove circolano idee e contatti.
In questo blog abbiamo sempre detto che è dal confronto e dalla contaminazione fra diverse discipline che nasce l’innovazione.
Ebbene, per noi anche aderire al COWO è un segno che crediamo in tutto questo.

Ti aspettiamo.

… ovviamente l’invito è per coloro che lavorano a Sassari o per quelli che, durante le ferie estive in Sardegna, non trovano niente di meglio che trovare un ufficio dove lavorare.
:-)

P.S.:
Maggiori informazioni sul Coworking

P.P.S.:
Prossima Isola su Google Places: l’aggiorneremo con le foto nei prossimi giorni.

P.P.P.S:
Daniele, nei prossimi giorni, descriverà con maggior dettaglio le fatiche e la soddisfazione nel ristrutturare un luogo che per lui ha una valenza particolare.

Tags: , , , , , ,

Post correlati

set 21st by marcelloorizi Continue Reading
24th

California (mini)RoadTrip

5

Martedì…domani salutiamo la California (torneremo tra qualche giorno ma solo di passaggio in aeroporto).
Mi trovo nella nostra camera d’albergo seduto davanti alla scrivania con l’iPod nelle orecchie e ascolto la mia playlist americana.
Fuori un bel sole caldo e dentro le valigie sul letto clamorosamente pronte con addirittura un giorno di anticipo.
Triste…si, sono proprio triste!
Eppure non dovrei esserlo, domani si parte per New York, città bellissima che non ho mai visto, e tra poco tornerò in Italia e nella mia Sardegna che tanto mi manca.
E’ vero, l’Italia è un paese estremamente conservatore che male si sposa con l’innovazione, la Sardegna è una regione chiusa in se stessa ma vale veramente la pena viverci.
Mi manca il cibo italiano, il caffè e le abitudini tanto criticate ma ben radicate dentro di me.
Allora perché sono triste???
Credo che questo viaggio mi abbia segnato più di qualunque altro io abbia mai fatto.
Crescita professionale enorme. Si, in un mese ho imparato più cose di quante ne abbia imparato da quando abbiamo aperto l’azienda. Ci sono cose che non si possono imparare sui libri di scuola e che in Italia è molto difficile imparare anche con una pluriennale esperienza.
Qua sei in gioco tutti i giorni, non è importante come ti vesti, da che nazione vieni, di che religione sei o se sei ateo. Ci sono solo un paio di regole basilari che provo a riassumere brevemente.
Devi dimostrare di avere grandi competenze, devi saper comunicare bene senza troppi fronzoli (e in Italia in quanto a fronzoli siamo molto esperti) e devi arrivare subito al punto.
Continua a leggere

Tags: , , , , ,

Post correlati

mar 24th by danieleidini Continue Reading
21st

Chi siamo

0

Ciao e prima di tutto grazie per l’interesse che mostri per la nostra avventura.
Se sei qui forse un click all’interno del nostro blog lo hai già fatto. ;-)

Chi siamo? Siamo Marcello e Daniele due grandi amici che si sono conosciuti ad un corso di informatica all’età di 13 anni, compagni di classe al liceo, e che da tantissimi anni covavano il desiderio di creare un’azienda innovativa nella città dove sono nati e cresciuti.
Abbiamo trascorso diverso tempo fuori dalla nostra amata Sardegna, conducendo esperienze professionali importanti ed eterogenee, tuttavia sempre col desiderio latente di riportare queste esperienze in una creatura tutta nostra e di cui poter andare fieri.

Poi un giorno, sorseggiando l’ennesima birretta insieme su una delle più belle spiagge del litorale della riviera del corallo, abbiamo deciso che quel desiderio andasse realizzato o quantomeno che ci si dovesse provare.
E ci abbiamo provato per davvero: all’inizio del 2008 è così nata Prossima Isola.

Non avremmo mai creduto che oggi, a meno di due anni dall’avvio dell’azienda, saremmo stati in procinto di andare in Silicon Valley a misurare le aspettative del servizio WhereIsNow con il gotha dell’ICT a livello mondiale e al tempo stesso che saremmo stati capaci di far maturare la parte prettamente consulenziale della nostra azienda ai livelli che abbiamo recentemente raggiunto.

Tags: , , ,

Post correlati

dic 21st by ajoinsv Continue Reading