24th

California (mini)RoadTrip

5

Martedì…domani salutiamo la California (torneremo tra qualche giorno ma solo di passaggio in aeroporto).
Mi trovo nella nostra camera d’albergo seduto davanti alla scrivania con l’iPod nelle orecchie e ascolto la mia playlist americana.
Fuori un bel sole caldo e dentro le valigie sul letto clamorosamente pronte con addirittura un giorno di anticipo.
Triste…si, sono proprio triste!
Eppure non dovrei esserlo, domani si parte per New York, città bellissima che non ho mai visto, e tra poco tornerò in Italia e nella mia Sardegna che tanto mi manca.
E’ vero, l’Italia è un paese estremamente conservatore che male si sposa con l’innovazione, la Sardegna è una regione chiusa in se stessa ma vale veramente la pena viverci.
Mi manca il cibo italiano, il caffè e le abitudini tanto criticate ma ben radicate dentro di me.
Allora perché sono triste???
Credo che questo viaggio mi abbia segnato più di qualunque altro io abbia mai fatto.
Crescita professionale enorme. Si, in un mese ho imparato più cose di quante ne abbia imparato da quando abbiamo aperto l’azienda. Ci sono cose che non si possono imparare sui libri di scuola e che in Italia è molto difficile imparare anche con una pluriennale esperienza.
Qua sei in gioco tutti i giorni, non è importante come ti vesti, da che nazione vieni, di che religione sei o se sei ateo. Ci sono solo un paio di regole basilari che provo a riassumere brevemente.
Devi dimostrare di avere grandi competenze, devi saper comunicare bene senza troppi fronzoli (e in Italia in quanto a fronzoli siamo molto esperti) e devi arrivare subito al punto.
Continua a leggere

Tags: , , , , ,

Post correlati

mar 24th by danieleidini Continue Reading