03rd

Moonlight, Clark Kent e i nuovi mostri

2

(Siamo piccoli…ma cresceremo…)

Una sera, rientrando a casa, ricordo bene di averli sentiti chiacchierare. Guardavano concentrati un mappamondo, con una abat-jour accesa puntata sul globo. Mi pare il tema del contendere fosse una lezione di geografia astronomica. Erano i tempi del liceo e Daniele qualche volta veniva a casa nostra a studiare. “Dunque - rifletteva Marcello, arricciando un po’ il naso e socchiudendo gli occhi fino a farli diventare due fessure – se la terra gira a 1667 chilometri all’ora e se la rotazione terrestre diminuisce la velocità di un millesimo di secondo al giorno, allora se facciamo i calcoli, ipotizzando che questa diminuzione sia costante….tra qualche milione di anni la terra… – guardando stupito Daniele negli occhi – si fermerà!”. Silenzio, pausa, riflessione. Paura?
“Cavolo Marce, è una scoperta grandiosa!”
“Ma come grandiosa Daniè…ci pensi, l’umanità è destinata a sparire!
“È vero – rispondeva Daniele preoccupato – ma tanto, ormai…noi due saremo già morti no? Affuttiddinni Marcè!!!”

Eccoli loro due, come erano. Come sono tutt’oggi. Al tempo dei fatti avevo da poco superato la fase rosaerosarumrosis mentre loro si apprestavano ad affrontare la maturità. E lo facevano con grinta, passione e divertimento, già da allora. Quante volte li ho sentiti sbellicarsi dalle risate. Due compagni di scuola, due amici fraterni, oggi due soci.

Marcello e Daniele negli studi di Videolina

Marcello e Daniele negli studi di Videolina

Ho appena trascorso un’intera giornata con loro, a distanza di così tanti anni. Non sono cambiati.
Dopo una sveglia alle 5 del mattino e due ore di viaggio verso il profondo sud, Cagliari ci ha accolto con un sole caldo e una diretta tv su uno dei principali canali regionali.

Trasmissione del mattino, è vero, dopo le ricette sulle chiacchiere e il cagnolino moonlight con il suo allevatore, pipì in studio inclusa. Condizioni che hanno reso il loro primo debutto insieme in diretta ancora più divertente: li guardavo mentre si sfottevano vicendevolmente sulla direzione da prendere in auto, sull’abbigliamento scelto per la giornata o per una piccola questione legata ai servizi igienici (questa ve la racconteranno in privato, se vorranno!)

Ambra Pintore riassume cosa abbiamo detto

Ambra Pintore riassume cosa abbiamo detto

Ma poi c’è un momento in cui, anche senza guardarsi, si concentrano sul lavoro a tal punto che i loro discorsi sono fatti tutti di codici e sigle, nomi e numeri, e sembra davvero che facciano sul serio. Al momento del lavoro non ci sono storie. Sanno cosa devono dire, sanno dove vogliono andare. Sono due professionisti.
Lasciati gli studi abbiamo visitato la redazione de L’Unione Sarda: un mare di scrivanie stracolme di fogli e foglietti, in perfetto stile Clark Kent. Un saluto a Lorenzo Paolini per aggiornarlo sugli sviluppi della storia che lui stesso si è appassionato a raccontare e da lì di nuovo in auto, da un’azienda all’altra, tra una telefonata che cade tra le imprecazioni di Daniele (il suo caricatore da auto tutto annodato non funziona, chissà come mai) e una che arriva per proporre un finanziamento.
E i due ringraziano, per quella fiducia accordata un po’ alla cieca, perché si tratta di persone che neanche conoscono, ma che si sono appassionate alla loro storia. Perché in fondo alla fine…chi non vorrebbe essere al loro posto in questo momento? Sono quelli che sono partiti e poi tornati, che hanno lasciato tutto per inseguire un sogno e che costruiscono ogni giorno i gradini del proprio domani, passando per l’America.
Così diversi, così affiatati, proprio come li ricordo in quella cameretta. E ora che sono quasi le 19, dopo 13 ore di auto e soste, appuntamenti e strette di mano, progetti e promesse e caffé e risate, c’è ancora tempo per lavorare. In auto, mentre uno guida e l’altro posta dal BlackBerry, mentre la stanchezza comincia a farsi sentire e anche gli sbadigli incalzano, nessuno vuole mollare. C’è ancora una giornalista che li aspetta in ufficio per scrivere un reportage: saranno il tema della sua tesi di laurea. Chissà che porti bene.

Perché siamo ancora agli inizi. L’America li aspetta.

Share and Enjoy: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Digg
  • del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Facebook
  • LinkedIn
  • TwitThis
  • Google Bookmarks
  • MySpace
  • YahooMyWeb
Tags: , , ,

Post correlati

feb 03rd by serena

2 commenti

  1. Brava Serena, bellissimo post…


    Bruno



  2. Ironia della sorte, per colpa di Moonlight http://www.mono-project.com/Moonlight non sono riuscito a vederli su Videolina


    gcarlo



Leave a Reply