31st

uhm … mi sa che avremo una sorpresa

3

Siamo in ufficio ed iniziano ad arrivare persone.
Prima Rossella, che era uscita alle 18, all’improvviso sbuca dalla porta. Che abnegazione, ho pensato.

Poi quando stavo andando via per cercare di cenare ad un’ora decente con mia moglie e mio figlio, sono stato fermato da Rox e Giuseppe Ittiresu che, ridendo, mi dicevano “ma come, stai già andando via?”.

Infine, sulla porta dell’ufficio trovo Manuela, la sorella di Daniele, e Andrea, il suo ragazzo e nostro family banker, che mi chiedono di fermarmi a raccontare come è andata e di aspettare Ettore che loro chiamano al volo.

Ettore mi chiede di fermarmi una mezzoretta che mi deve portare delle fantomatiche fatture di non so bene cosa.
Alla fine, non ho potuto che dire ad Ettore “dai Ettore, la prossima volta pensala meglio che qua ci sono troppi indizi”.
;-)

Bello davvero… ed adesso io e Daniele aspettiamo di vedere in cosa consiste la sorpresa per il nostro rientro.
E la sensazione è quella che si prova da bambini quando si attende babbo natale.

Speriamo che dentro la sacca dei regali ci sia un investitore.
;-)

***** AGGIORNAMENTO *****
Ecco il resoconto della bellissima serata.
Continua a leggere

Tags: ,

Post correlati

mar 31st by marcelloorizi Continue Reading
30th

Saluti dall’aeroporto

1

Non aggiungo parole…
… anche perché Daniele è davvero prolisso quando vuole.

Ma non chiedetegli dell’aggiotaggio.
;-)

Tags: , ,

Post correlati

mar 30th by marcelloorizi Continue Reading
29th

bye bye America

1

In diretta dall’aeroporto di newark.
Siamo al gate 63 che ci aprirà a minuti le porte dell’aereo che ci riporterà in Europa.
Marcello è nervoso (dice Daniele), Daniele è irascibile (dice Marcello).

Ma ciò che conta è che fra un po’ Daniele risalirà sul primo aereo per la California.

Scherzi a parte, il nostro airbus 340-600, è pronto qui fuori.

Ciò significa che si chiude una esperienza importantissima.

Ci stanno chiamando… Ci sentiamo da Roma.

Speriamo che Daniele non russi in aereo altrimenti ci fanno scendere.
;-)

P.S.: se a Roma non troviamo un volo per Alghero, c’è qualcuno che ci ospita?

mar 29th by marcelloorizi Continue Reading
28th

Si torna a casa

2

Scrivo questo post velocemente col mio smartphone solo per farvi sapere che abbiamo trovato una soluzione per il rientro in Italia che ci permette di non ripassare da San Francisco.
Abbiamo anticipato la partenza alla domenica sera e voleremo con lufthansa via Monaco e Roma.
Che dire?
Il viaggio è quasi terminato e scriveremo un resoconto più dettagliato nei prossimi giorni.
Quello che posso comunque dire è che è stata l’esperienza lavorativa più bella della mia vita, e anche dal punto di vista personale è stato bellissimo.
Ma tornare a casa ha un sapore dolcissimo, non ho più voglia di vedere mia moglie e mio figlio via skype.
Chissà come saranno i primi giorni appena rientrati, la mole di lavoro da riprendere in mano, il jetleg e la nostalgia di un posto magico come la silicon valley.
Spero nel bel tempo così me ne andrò con Anto e Matteo al bar di Pineta Mugoni a mangiare un bel piatto di pasta con le melanzane alla faccia di questi americani che ci possono insegnare davvero tanto ma non il nostro stupendo stile di vita.
Sweet home Italy, sweet home Sardinia.
;-)

mar 28th by marcelloorizi Continue Reading
26th

Aiutateci

4

Ciao ragazzi,
post assolutamente di servizio.

Noi il 29 Marzo dovremo ritornare ad Alghero con un mitico viaggio:
New York
San Francisco
Parigi
Roma
Alghero

E solo l’idea ci sta facendo davvero male.
Abbiamo chiamato Alitalia ma nulla da fare: la nostra tariffa pezzenti non consente lo spostamento del volo e, se non prendiamo il primo volo San Francisco -> Parigi, ci vengono automaticamente cancellati i successivi voli da Parigi e da Roma.

Che fare?

Serve il vostro aiuto.
Riuscite a trovarci una soluzione New York -> Alghero ad una cifra moooooolto ragionevole?

Oppure… non è che c’è uno sponsor che ci fa rientrare in Italia direttamente da New York?
Siamo pronti a dargli amplissima visibilità qui su questo oramai seguitissimo blog.
;-)

Ciao e grazie a tutti per i possibili suggerimenti che ci potrete dare.

Tags: ,

Post correlati

mar 26th by marcelloorizi Continue Reading
26th

Che giornata a New York

3

Premetto che non abbiamo visto la città eccetto che attraverso i suoi taxi.

Un’altra giornata bellissima, passata in compagnia delle altre startup e Marco Marinucci e Alberto Onetti di Mind The Bridge.
Al mattino, splendida colazione italiana nel nostro hotel che, se non sapessimo di stare a New York, potrebbe benissimo trovarsi a Roma o a Milano, se non fosse che noi stiamo al 10° piano e gli altri ragazzi stanno al 15° e oltre.

Cappuccino, briosche, fetta di torta… stavo rischiando di mettermi a piangere.
;-)

Poi taxi fino alla sede dell’ICE a New York (Istituto Commercio Estero) dove Valentina Petricciulo ha splendidamente organizzato una tavola rotonda con Owen Davis del NYC Seed, di Yao Huang e David Blumenstein di Hatchery e David Lerner del dipartimento del trasferimento tecnologico della Columbia University.

Ci è parso di capire che anche su New York l’ecosistema delle startup sta prendendo piede. Non mi è parso di respirare quella serenità e quel pensiero open che caratterizzano la Silicon Valley ma comunque gli aspetti più significativi sono legati al peso economico di questa città. I clienti sono qui e sempre qui ci sono anche ottimi casi di successo (foursquare e doubleclick ad esempio).
Continua a leggere

Tags: , , , , , , , , , ,

Post correlati

mar 26th by marcelloorizi Continue Reading
25th

Dalla mela alla grande mela passando da Google

2

Ciao ragazzi,
quante cose non vi abbiamo raccontato.

Cercherò allora di farlo al volo ora, poco prima di andarmene a letto nel nuovo hotel qui a New York dove siamo atterrati da poche ore per il secondo evento di Mind The Bridge.

Avete visto i video del nostro viaggio sulla costa della California, postati da Daniele nel suo drammatico post di arrivederci a questa terra dell’innovazione?
Pensate che ci siamo limitati a fare solo questo? Vi sbagliate di brutto.
;-)

Ecco in ordine sparso alcune delle cose che abbiamo fatto negli ultimi giorni.
Venerdì siamo stati al PnP dove i ragazzi delle altre aziende Mind The Bridge hanno fatto la loro presentazione (noi l’avevamo già fatta qualche settimana fa), poi in giornata siamo stati coinvolti dalla Gym di Mind The Bridge, nella quale abbiamo approfondito tematiche legali inerenti la creazione di una startup in Silicon Valley (grazie Matteo Daste).
Finita la lezione siamo andati al consolato italiano, dove abbiamo fatto le seguenti foto e dove abbiamo approfittato per fare due chiacchiere.

Marcello fra bandiera e Napolitano

Marcello fra bandiera e Napolitano


Daniele fra bandiera e Napolitano

Daniele fra bandiera e Napolitano


Continua a leggere

Tags: , , , , , , , , , ,

Post correlati

mar 25th by marcelloorizi Continue Reading
24th

California (mini)RoadTrip

5

Martedì…domani salutiamo la California (torneremo tra qualche giorno ma solo di passaggio in aeroporto).
Mi trovo nella nostra camera d’albergo seduto davanti alla scrivania con l’iPod nelle orecchie e ascolto la mia playlist americana.
Fuori un bel sole caldo e dentro le valigie sul letto clamorosamente pronte con addirittura un giorno di anticipo.
Triste…si, sono proprio triste!
Eppure non dovrei esserlo, domani si parte per New York, città bellissima che non ho mai visto, e tra poco tornerò in Italia e nella mia Sardegna che tanto mi manca.
E’ vero, l’Italia è un paese estremamente conservatore che male si sposa con l’innovazione, la Sardegna è una regione chiusa in se stessa ma vale veramente la pena viverci.
Mi manca il cibo italiano, il caffè e le abitudini tanto criticate ma ben radicate dentro di me.
Allora perché sono triste???
Credo che questo viaggio mi abbia segnato più di qualunque altro io abbia mai fatto.
Crescita professionale enorme. Si, in un mese ho imparato più cose di quante ne abbia imparato da quando abbiamo aperto l’azienda. Ci sono cose che non si possono imparare sui libri di scuola e che in Italia è molto difficile imparare anche con una pluriennale esperienza.
Qua sei in gioco tutti i giorni, non è importante come ti vesti, da che nazione vieni, di che religione sei o se sei ateo. Ci sono solo un paio di regole basilari che provo a riassumere brevemente.
Devi dimostrare di avere grandi competenze, devi saper comunicare bene senza troppi fronzoli (e in Italia in quanto a fronzoli siamo molto esperti) e devi arrivare subito al punto.
Continua a leggere

Tags: , , , , ,

Post correlati

mar 24th by danieleidini Continue Reading
22nd

I video delle presentazioni

2

Ciao ragazzi,
Ecco i video delle presentazioni delle cinque aziende finaliste, compreso quindi il nostro.

Fa un certo effetto vedersi e devo dire che, a parte l’impietosa ripresa dall’alto che mette in mostra i miei pochi capelli, sono contento di come è andata.
Certo, ho fatto un paio di errorini in inglese, e non sono sicuramente così spigliato come Umberto Malesci di Fluidmesh o Franco Tecchia di VRMedia, ma sono contento di come è andata la presentazione nel suo insieme.

Un grazie doveroso va a Gabriele Scoditti per aver caricato i video sul canale MindTheBridgeTV di YouTube.

Adesso avete quasi un’ora di video da gustarvi.
Li metto nello stesso ordine con il quale sono state fatte le presentazioni e quindi si parte col nostro video.

WhereIsNow
Marcello Orizi e Daniele Idini


Continua a leggere

Tags: , , , , , , ,

Post correlati

mar 22nd by marcelloorizi Continue Reading
21st

Un resoconto della finale

4

Come promesso, ed in attesa di condividere i video delle presentazioni fatte dalle singole aziende, vi raccontiamo la nostra personale esperienza alla finale del Mind The Bridge.

Giovedì mattina (sera per voi), ci siamo alzati ed abbiamo gestito, prima di tutto, la parte italiana del nostro lavoro.
Ci sarebbe molto da dire, ma sarebbe fuori tema.
Quindi, di nuovo a lavorare sulla presentazione perché non capivamo come mai, con Office per MAC, una volta riaperta i video partissero malissimo.
Un po’ di nervosismo, anche fra me e Daniele sfociato come sempre fra di noi in un “ma vai che sei …” a sdrammatizzare tutto.

Poi, ultime prove. I 5 minuti da rispettare. Cosa lasciare dentro e cosa togliere. Sembra facile, ma è un lavoro di sintesi molto delicato e da ritagliare sull’audience dell’evento.

Fatte un paio di prove, di cui una anche al mattino sotto la doccia ma senza slide.
;-)
Continua a leggere

Tags: , , , , , , , , , ,

Post correlati

mar 21st by marcelloorizi Continue Reading